lunedì 29 giugno 2015

GIACOMO GALLERINI: IL RINGRAZIAMENTO DELLA FAMIGLIA


Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera

S. Quasimodo

Sentitamente commossi  per la dimostrazione d’affetto tributata al nostro
indimenticabile Giacomo “Nanni” esprimiamo viva gratitudine a coloro che hanno partecipato al nostro dolore.

Ezia, Renato, Dario, Flavio

“Chi vive nel cuore di chi resta
 non va via per sempre”


...Ciao Nanni







venerdì 26 giugno 2015

DEDICATO A GIACOMO GALLERINI

GIACOMO GALLERINI
Oggi 26 Giugno 2015, alle 10,00 del mattino, all’età di sessantanove anni è mancato all’affetto dei suoi cari Giacomo Gallerini, fratello di Carla Gallerini.
Giacomo affetto dalla sindrome di Down, forse il più longevo in Italia, lascia di sé un ricordo luminoso, colmo di armonie, e di musica che amava ascoltare sempre in ogni ora del giorno e della notte. Se ne è andato sulle note di "Tosca", composto e forte nel suo silenzio dignitoso, nobile. Lascia scolpito il suo nome in Sala CarGià che unisce per sempre i nomi di Carla e Giacomo che continueranno a vivere nelle stagioni artistiche più belle e a loro dedicate, donando al Golfo dei Poeti,  Arte e Cultura, Passione, Amicizia e Incanto.
Ora Giacomo riposa nell’obitorio di La Spezia
I funerali si svolgeranno Lunedì 29 Giugno alle ore 9,00 nella chiesa di San Terenzo Natività della Vergine Maria. 
La funzione verrà celebrata da don Piero Corsi.

La famiglia ringrazia tutti medici, gli infermieri e gli operatori sanitari dell’Ospedale S. Andrea che hanno aiutato Giacomo ad affrontare il suo ultimo cammino.    

LA NAZIONE
SABATO 27 GIUGNO 2015

Ezia Di Capua

giovedì 25 giugno 2015

CENTRO STORICO DI SAN TERENZO: QUANDO L'ARTE DIVIENE STORIA DEL GOLFO DEI POETI

Sala Culturale CarGià _ Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Libri - Mostre d'Arte - Recensioni


             .. quando l'Arte diviene storia del Golfo dei Poeti
1977 CENTRO STORICO DI SAN TERENZO
A.P.A.C. Amici Portiolo Arte e Cultura
 La Presidente dell'Associazione Carla Gallerini insieme all'Onorevole Faragutti premiano
 la pittrice Ezia Di Capua alla 1°Marguttiana MostraMercato di pittura

foto archivio fam. Gallerini

......dal Libro "La Misura dell'Amore"
nota: tra gli artisti locali  Beppe Mecconi
clicca sul link per leggere

clicca sul link per leggere

clicca sul link per leggere
EZIA DI CAPUA PITTRICE - HANNO SCRITTO DI LEI

Franco Ortis, Donatella Zanello, G.L.Coluccia, Luigi Leonardi, Ezia Di Capua, Benedetta Galazzo, Anna Magnavacca, Marco Raiti, Maria Letizia Stangalino, Giovanni Bilotti, Amanda Moruzzo, Marco Raiti, Cristina Polenta, Mirco Manuguerra, Il Secolo XIX,…..

CLICCA SUI LINK PER LEGGERE LE RECENSIONI
Mirco Manuguerra: http://salacargia.blogspot.it/2014/04/manifesto-per-larte-del-iii-millennio.html


EZIA DI CAPUA SCRITTRICE - HANNO SCRITTO DI LEI: 

Hanno scritto relativamente a “La Misura dell’Amore” :
Sindaco Emanuele Fresco, Prof. G.Luigi Coluccia, Dott.ssa Maria Letizia Stangalino, Vasco Bardi scrittore e poeta, prof. Franco Ortis, Dott.ssa Donatella Zanello scrittrice e poetessa, Gabriella Molli giornalista scrittrice, Dott.ssa Gabriella MIgnani scrittrice, giornalista saggista, Anna Magnavacca scrittice poetessa, Marzia Zini, Marisa Marino pittrice, Maria Giovanna Guidone pittrice, Marco Raiti scrittore e poeta, Luigi Leonardi scrittore poeta artista – storico, Carmen Claps.

CLICCA SUI LINK PER LEGGERE LE RECENSIONI

La Misura dell’Amore – recensione di Donatella Zanello:http://salacargia.blogspot.it/search?q=la+misura+dell'amore
La Misura dell’Amore – recensione di G.L.Coluccia:http://salacargia.blogspot.it/2012/09/la-misura-dellamore-di-ezia-di-capua.html
La Misura dell’Amore – recensione di L. Leonardi http://salacargia.blogspot.it/2012/09/la-misura-dellamore-di-ezia-di-capua_1.html
La Misura dell’Amore – recensione di Marco Raiti http://salacargia.blogspot.it/2012/09/la-misura-dell-amore-di-ezia-di-capua.html
La Misura dell’Amore – recensione di Marzia Zini http://salacargia.blogspot.it/2012/09/la-misura-dell-amore-di-ezia-di-capua_1.html
La Misura dell’Amore – intervista di C. Polenta http://salacargia.blogspot.it/2011/12/ezia-di-capua-intervistata-per-art-open.html
La Misura dell’Amore – recensione di F.Ortis:http://salacargia.blogspot.it/search?q=ortis+la+misura+dell'amore
La Misura dell’Amore – recensione di G. Mignani:http://salacargia.blogspot.it/search?q=gabriella+mignani+la+misura+dell'amore
La Misura dell’Amore – recensione di Magnavacca  http://salacargia.blogspot.it/search?q=la+misura+dell'amore++anna+magnavacca
La Misura dell’Amore – recensione di M.Marino http://salacargia.blogspot.it/search?q=la+misura+dell'amore+marisa+marino
La Misura dell’Amore – recensione di Carmen Claps  http://salacargia.blogspot.it/2014/04/la-misura-dell-amore-di-ezia-di-capua.html
La Misura dell’Amore – recensione  Angelina Magnotta  http://salacargia.blogspot.it/2014/11/la-misura-dellamore-di-ezia-di-capua.html

E’ concesso l’utilizzo del testo o parte di esso ai soli fini di studio citando l’Autore del libro, l'Autore della recensione e il Blog di Sala Culturale CarGià come fonte.

E’ concesso l’utilizzo di materiale ai soli fini di studio citando l’Autore, e il Blog di Sala Culturale CarGià come fonte



ASSOCIAZIONE "AMICI DI SAN CAPRASSIO" CENTRO AULLESE DI STUDI E RICERCHE - CENACOLO ARTISTICO E LETTERARIO "R.Micheloni": " DI STANZE e VOCI" Poesie ritrovate 1959-2014 di Anna Magnavacca

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura
Sezione - Poesia
...Ringrazio sentitamente dell'invito
Ezia Di Capua


CASTELLO DORIA MALASPINA - CALICE CORNOVIGLIO - LUCIA MONTIS E LE SUE STELLE - CONCERTO LIRICO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura
Sezione - Eventi Artistici e Culturali
...Ringrazio sentitamente dell'invito
Ezia Di Capua



MUSEO DELLE STELE LUNIGIANESI - CASTELLO DEL PIAGNARO PONTREMOLI: INAUGURAZIONE

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura
Sezione - Eventi Artistici e Culturali
...Ringrazio sentitamente dell'invito
Ezia Di Capua




domenica 21 giugno 2015

MUSEO CASA DI DANTE IN LUNIGIANA - MULAZZO Presentazione della Monografia "L'Urlo del Silenzio" di Andrea Benedetto e donazione dell'opera scultorea al MUSEO DANTESCO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Mostre d'Arte - Recensioni


Celebrazioni Ufficiali Lunigianesi
 DCCL Anniversario della nascita di Dante - Mulazzo Borgo Storico Monumentale
http://www.lunigianadantesca.it/casa-di-dante-in-lunigiana/





clicca sull'immagine per leggere

...con le recensioni dei maggiori critici del territorio



Recensione di Ezia Di Capua
clicca sull'immagine per leggere



giovedì 18 giugno 2015

LA MARGUTTIANA di Amerigo Lupi - MOSTRAMERCATO DI PITTURA - ISCRIZIONI APERTE SINO AL 25 GIUGNO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Marguttiana 2015
REGOLAMENTO
clicca sul link



GOLFO DEI POETI -
LA MARGUTTIANA DI AMERIGO LUPI: MOSTRAMERCATO DI PITTURA E CONCORSO FOTOGRAFICO

25 Giugno - ultimo giorno per iscriversi alla Marguttiana MostraMercato di Pittura 
nel Centro Storico di San Terenzo

La Marguttiana è stata coniata nel 1976 dall'A.P.A.C. - Amici Portiolo Arte e Cultura. Carla Gallerini  è stata ideatrice, curatrice della Marguttiana e Presidente dell'Associazione A.P.A.C. per anni. La MostraMercato è quindi  un'evento artistico "storico" per San Terenzo, nato per valorizzare il territorio, conservare e arricchire di cultura il Centro Storico. La Marguttiana  sospesa per alcuni anni, oggi è dedicata all'ultimo Presidente, e promossa dalla famiglia Lupi, dall’MCL, dall’Ascos, e Sala Culturale CarGià di San Terenzo. Ezia Di Capua, figlia di Carla Gallerini, erede del progetto intellettuale di promozione artistica del territorio e curatore dell’evento dichiara: ”Sarà  un momento artistico molto bello, molto sentito dai santerenzini,  un momento d’arte, che sarà di confronto, di condivisione e di amicizia”.
L’evento si terrà nel Centro Storico di San Terenzo. Si aprirà venerdì 24 luglio con l’anteprima fotografica e proseguirà sabato 25 con l’inaugurazione ufficiale e l’allestimento della mostra di pittura. Terminerà domenica 26 con la premiazione del concorso di fotografia e la chiusura della MostraMercato di pittura.
Il titolo della mostra fotografica sarà: “I Colori della Luce”. Oltre all’evento si potranno apprezzare altre iniziative (es. contest fotografico, coinvolgimento dei social network…). Come per le fotografie, anche le opere pittoriche saranno  esposte su griglie espositive nel centro storico del paese: via Azzarini e via Trogu, seguendo le modalità della Marguttiana tradizionale. Gli artisti, sono invitati a partecipare numerosi. Di sera le opere verranno rimosse dalle griglie e custodite in un luogo idoneo. Domenica 26 luglio, alle nove del mattino saranno esposte nuovamente  sino, a conclusione della mostra alle ore 23,00 circa. Sala Culturale CarGià attraverso il suo curatore Ezia Di Capua garantisce all’evento e agli artisti massima visibilità e promozione attraverso quotidiani, Siti d’Arte, radio e Tv.
Per Info: clicca sul link
http://salacargia.blogspot.it/2015/06/marguttiana-di-amerigo-lupi-sala-cargia.html


martedì 16 giugno 2015

SUCCESSO STREPITOSO DEL CORO LIRICO LA SPEZIA A CAMAIORE CON “L’ELISIR D’AMORE”

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 205
Sezione - Concerti - CORO LIRICO LA SPEZIA

 SUCCESSO STREPITOSO DEL “IL CORO LIRICO  LA SPEZIA “ A CAMAIORE CON “L’ELISIR D’AMORE
foto di Paolo Maccioneclicca sull'immagine

COMUNICATO STAMPA A CURA DI EZIA DI CAPUA
Si è conclusa con il successo del Coro Lirico La Spezia che ha prodotto un “ Elisir d’Amore” spettacolare, la Prima edizione de La  Primavera dell’Olivo” a Camaiore - Prima Rassegna di Teatro musicale indipendente
“L’Elisir d’Amore”, opera di Gaetano Donizetti, inserita nel calendario eventi del Teatro dell’Olivo nel centro storico di Camaiore, è stata rappresentata in forma scenica prodotta nell’allestimento dell’Associazione Coro Lirico la Spezia, domenica 14 Giugno alle ore 21,00.
Davvero molti gli applausi e l’entusiasmo del pubblico  e degli organizzatori che molto si sono complimentati con tutto il cast, per la freschezza e la dinamica armonica dell’interpretazione, oltre che per le straordinarie voci dei solisti che hanno ammaliato il folto pubblico presente.
Applausi scroscianti e interminabili per tutti i solisti: Roberta Ceccotti soprano eccellente ha dato voce ad una dolcissima Adina, Kentaro Kitaya ottimo nei panni di Nemorino, Veio Torcigliani ha interpretato un Dulcamara indimenticabile, Kaccian Zaha voce pregiata di Belcore e Valentina Marconi brillante Giannetta.
Al pianoforte la bravissima pianista Maria Lyasheva assolutamente eccellente per agilità, precisione e interpretazione ha contribuito in modo essenziale al successo dell’opera. Bella la scenografia di Franca Puliti. Efficace la Regia di Etrusco Catozzi
Prezioso il Direttore del Coro Lirico La Spezia Kentaro Kitaya che ha interpretato un magnifico e convincente Nemorino. Il Coro Lirico la Spezia il cui organico è di seguito presentato, si è distinto ed ha emozionato ancora una volta il suo pubblico. Molti i complimenti ricevuti dal direttore artistico del Teatro dell’Olivo Veio Torcigliani e da tutti gli organizzatori: ACSI Ente Nazionale di Promozione, Amministrazione Comunale di Camaiore, Museo di Arte Sacra, Centro Commerciale di Camaiore, Consorzio di Promozione Turistica e la Presidente di  Onlus solidarietà nel mondo.
Soprano Primo: Ezia Di Capua, Monica Faretra, Alessandra Candido, Katia Murtas, Gaetana Veneri,Valentina Marconi, Estaer Impinna, Lia Formentoni, Antonella  Mezzani
Soprano Secondo: Roberta Lodola, Sandra Ricasso, Luana Cossa,
Mezzo Soprano:  Laila Ciardelli, Federica Cecchi
Contralto: Alice Gozzi, Roberta Borrini, Sara Menini
Tenore Primo: Gianni Tridente , Salvatore Lauria, Renato Bruschi, Gioacchino Colasanto, 
Baritono: Gennaro De Luca
Basso: Paolo Tonelli, Vincenzo Di Meo, Francesco Menghini
“L'Elisir d'amore” è un melodramma giocoso in due atti di Gaetano Donizetti su libretto di Felice Romani.
La storia ruota attorno alle vicende dell'umile contadino Nemorino, innamorato di Adina ed incapace di dichiararsi. L'equilibrio viene bruscamente interrotto con l'arrivo di Dulcamara (il ciarlatano di Donizetti), che - fingendosi un dottore - vende a Nemorino un fantomatico elisir d'amore...
L'opera andò in scena per la prima volta il 12 maggio del 1832 a Milano, presso il Teatro della Cannobiana.
Ezia Di Capua curatore della promozione artistica dell’Associazione Coro Lirico La Spezia Vi invita a seguire gli approfondimenti, curiosità e foto dell’evento nel Blog di Sala Culturale CarGià http://salacargia.blogspot.it

Ezia Di Capua

TEATRO DELL'OLIVO - CAMAIORE
"L'Elisir d'Amore" in scena L' Associazione Coro Lirico La Spezia
foto di Paolo Maccione - clicca sull'imagine


TEATRO DELL'OLIVO - CAMAIORE
"L'Elisir d'Amore" in scena L' Associazione Coro Lirico La Spezia
foto di Paolo Maccione - clicca sull'immagine



TEATRO DELL'OLIVO - CAMAIORE
"L'Elisir d'Amore" in scena L' Associazione Coro Lirico La Spezia
foto di Paolo Maccione - clicca sull'imagine



TEATRO DELL'OLIVO - CAMAIORE
"L'Elisir d'Amore" in scena L' Associazione Coro Lirico La Spezia
Valentina Marconi 
foto di Paolo Maccione - clicca sull'imagine

L'ELISIR D'AMORE
LE FOTO  PIU' BELLE ESEGUITE DA  PAOLO MACCIONE
clicca sul link
https://www.dropbox.com/sh/hk7w3xc7s8trsq6/AACNwVNe2esnnzFQpLsNIQmea?dl=0

***
ARTICOLO PUBBLICATO SU CITTA' DELLA SPEZIA
http://www.cittadellaspezia.com/La-Spezia/Cultura-e-Spettacolo/Successo-in-Versilia-per-il-Coro-Lirico-184731.aspx

sabato 13 giugno 2015

MARGUTTIANA di Amerigo Lupi - SALA CARGIA' VI INVITA ALLA MOSTRAMERCATO DI PITTURA NEL CENTRO STORICO DI SAN TERENZO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Marguttiana     
      MARGUTTIANA 2015
Info
SALA CULTURALE CARGIA' 
 CURATORE EZIA DI CAPUA 

eziadicapua@libero.it  cell. : 348 8964150


EVENTO PUBBLICATO IN ART OPEN SPACE

giovedì 11 giugno 2015

SALA CARGIA' VI INVITA ALLA MARGUTTIANA MOSTRAMERCATO DI PITTURA E CONCORSO FOTOGRAFICO A SAN TERENZO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Marguttiana


 PER INFO: SALA CULTURALE CARGIA' - CURATORE EZIA DI CAPUA 
eziadicapua@libero.it  cell. : 348 8964150









 PER INFO: 
SALA CULTURALE CARGIA' 
 CURATORE EZIA DI CAPUA 
eziadicapua@libero.it  cell. : 348 8964150






martedì 9 giugno 2015

SALA CARGIA' VI INVITA ALL'OPERA: "L' ELISIR D'AMORE" di GAETANO DONIZETTI A CAMAIORE DOMENICA 14 GIUGNO TEATRO DELL'OLIVO

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Concerti - CORO LIRICO LA SPEZIA


Gaetano Donizetti
Gaetano Donizetti, fu uno dei maggiori compositori di musica operistica italiana del primo Ottocento e precursore del dramma musicale alla Giuseppe Verdi.

Nato a Bergamo il 29 Novembre 1797, appartenente a una famiglia poverissima, Donizetti fu accolto, all’età di nove anni, nella Scuola Caritatevole di Musica di Bergamo, diretta da Simone Mayr, al quale Gaetano rimase legato tutta la vita, proseguendo gli studi musicali con il Mattei al Liceo Filarmonico di Bologna.

La rappresentazione "Enrico di Borgogna" a Venezia nel 1818, segnò il suo esordio teatrale, seguita da "Falegname di Livonia", ma solo con "Zoraide di Granata", rappresentato a Roma nel 1822, ottenne il meritato successo di pubblico e di critica.

Firmato nel 1827 un buon contratto con l’impresario Domenico Barbaya, che lo impegnava a produrre quattro opere l'anno, Donizetti si stabilì a Napoli e compose lavori prevalentemente comici e di satira, raggiungendo il grande successo con "Anna Bolena" (1830) ed "Elisir d’Amore" (1832).

Nel 1829 era stato nominato direttore dei Teatri Reali di Napoli e, nel 1834, accettò la Cattedra di Composizione al Conservatorio della stessa città.

Nel 1832, alla morte di Vincenzo Bellini, nonostante l'antipatia dimostrata in vita nei confronti del musicista, Donizetti gli dedicò una Messa da Requem.

Nel 1835, Donizetti fece rappresentare a Napoli la "Lucia di Lammermoor" e, mentre la vita professionale del compositore andava a gonfie vele, venne colpito da una serie di lutti: in pochi mesi morirono il padre, la madre e la seconda figlia.

Donizetti interruppe ogni sua attività in Italia e, recatosi a Parigi, su consiglio diGioachino Rossini, compose e rappresentò "Les Martyrs" (1840), "La Favorita" (1840) e "Rita ou le Mari Battu" (portata in scena a Parigi nel 1860).

Nonostante la sfortuna continuasse a perseguitare il musicista con la morte della moglie e di un'altra figlia, Gaetano Donizetti curò il dispiacere e la solitudine aumentando il ritmo del lavoro: in pochi anni scrisse  "Don Pasquale" e "Don Sebastiano del Portogallo", "Linda di Chamounix", "Maria di Rohanna" e il "Conte di Chalais".

A Vienna nel 1842, Gaetano Donizetti, ricevette l’ambita nomina di Maestro di Cappella di Corte, ma la sua salute, già gravemente compromessa dalla sifilide, peggiorò sempre di più ed alla fine, nel 1846, fu internato nel manicomio di Ivry-sur-Seine.
Nel 1847, Donizetti,trasportato a Bergamo, fu accolto dai baroni Basoni Scotti, che lo assistettero fino alla morte, sopravvenuta l'8 Aprile 1848.
La vasta produzione musicale del Donizetti, oltre a 73 melodrammi, alcuni dei quali ancora oggi vengono rappresentati nei Teatri Lirici di tutto il mondo, comprende 28 cantate, 19 quartetti, 3 quintetti, 13 sinfonie e ancora 115 composizioni sacre, molte liriche da camera e oratori.

Ezia Di Capua


COMUNICATI STAMPA A CURA DI EZIA DI CAPUA

LA NAZIONE
DOMENICA 14 GIUGNO 2015

Cronaca 4

domenica 7 giugno 2015

CORO LIRICO LA SPEZIA - "L'ELISIR D'AMORE" A CAMAIORE TEATRO DELL'OLIVO -14 GIUGNO ORE 21,00

Sala Culturale CarGià - Promozione Arte e Cultura 2015
Sezione - Concerti - CORO LIRICO LA SPEZIA
Sala CarGià 
Vi Invita all'Opera

CORO LIRICO LA SPEZIA  
Soprano Primo:Ezia Di Capua,Monica Faretra,Alessandra Candido, Carmen Venturini, Katia Murtas,Linda                                  Dal Degan, Gaetana Veneri,Valentina Marconi, Estaer Impinna, Lia Formentini,
                               Antonella  Mezzani
Soprano Secondo:Luana Cossa,  Roberta Lodola, Sandra Picasso
Mezzo Soprano: Tiziana Biagini, Debora Bellante, Laila Ciardelli, Federica Cecchi
Contralto: Alice Gozzi, Alessandra Telese, Roberta Borrini, Sara Menini
Tenore Primo: Gianni Tridente , Salvatore Lauria, Renato Bruschi, Gioacchino Colasanto
Tenore Secondo:  Claudio Cardinali, Federico Favilli.
Baritono: Gennaro De Luca
Basso: Paolo Tonelli, Vincenzo Di Meo, Luigi Vergassola, Francesco Menghini

L'ELISIR D'AMORE di Gaetano Donizetti

ATTO PRIMO Un villaggio nei Paesi Baschi verso la fine del XVIII secolo. Nell’aia antistante la fattoria della ricca e capricciosa fittavola Adina, i mietitori si stanno riposando dopo il lavoro nei campi. Adina, seduta in disparte, legge la storia di Tristano e Isotta; la osserva perdutamente innamorato Nemorino, un contadino giovane, povero e timido. Su invito dei presenti, Adina legge ad alta voce come Tristano riuscì a far innamorare la bella Isotta con un filtro magico. Improvvisamente si ode un rullo di tamburi: sopraggiunge Belcore, sergente della guarnigione di stanza nel villaggio, alla ricerca di soldati per il suo reggimento; con spavalda sicurezza, egli corteggia Adina proponendole addirittura il matrimonio. Questa, per suo conto, si preoccupa solo di far capire a Nemorino quanto il proprio cuore sia volubile ed incostante. Il suono di una tromba annuncia l’arrivo del dottor Dulcamara, un ciarlatano che enumera a gran voce i propri poteri taumaturgici destando l’interesse degli ingenui contadini. Uno di essi, in particolare, è fortemente attratto dalle promesse di Dulcamara: è proprio Nemorino, che gli chiede se fra le sue miracolose pozioni egli abbia anche il magico elisir d’amore della regina Isotta. Intuitane l’ingenuità, Dulcamara gli rifila una bottiglia di Bordeaux al prezzo di uno zecchino (tutto ciò che Nemorino possiede) avvertendolo però che l’effetto desiderato sopraggiungerà solo ventiquattr’ore dopo la somministrazione: giusto il tempo necessario al ciarlatano per far fagotto e allontanarsi dal villaggio. Fiducioso nel potere magico appena conquistato, Nemorino inizia a sorseggiarne non piccole dosi, divenendo assai presto euforico e acquistando fiducia e sicurezza, al punto da mostrarsi indifferente ad Adina che, per il nuovo atteggiamento del già sospiroso e romantico spasimante, appare ora piuttosto sconcertata e stizzita. Tale è il desiderio di rivalsa della donna, che su due piedi ella decide di accettare la proposta matrimoniale di Belcore, proponendo che le nozze abbiano luogo la sera stessa (essendo prefissata per l’indomani la partenza del sergente). Nemorino, certo della virtù dell’elisir quanto ben consapevole della necessità di ventiquattr’ore perché abbia effetto, prega Adina di rimandare le nozze d’un giorno; ma quest’ultima lo deride e si avvia con Belcore, mentre lo smanioso Nemorino viene dileggiato da tutti i presenti.

ATTO SECONDO Mentre nella fattoria fervono i preparativi per le nozze, Dulcamara e Adina intrattengono i presenti cantando una barcarola; giunge il notaio, col contratto nuziale da far sottoscrivere agli sposi, ma Adina dichiara di volerlo firmare solo la sera, in presenza di Nemorino, per celebrare così la propria vendetta. Per parte sua Nemorino è disperato: l’elisir non produce infatti ancora effetto; inoltre, avendo speso tutti i propri averi, egli non è in grado di acquistarne una nuova bottiglia. Sfrut- tando la situazione, e col non secondario proposito di toglierselo di torno, Belcore gli prospetta l’immediato guadagno di venti scudi arruolandosi come soldato. In verità, per Nemorino le ristrettezze economiche sono già finite, grazie alla ricca eredità lasciatagli da uno zio appena defunto. Egli tuttavia non è ancora al corrente del luttuoso evento familiare, conosciuto invece dalle ragazze del villaggio grazie alla solerte contadina Giannetta: cosicché interpreta l’improvvisa attenzione delle giovani come l’effetto sicuro dell’elisir (fatto che sconcerta non poco lo stesso Dulcamara). Nemmeno Adina è a conoscenza del mutamento di fortuna intervenuto a favore di Nemorino e tradisce il suo affetto verso di lui mostrandosi gelosa; Dulcamara le racconta di aver venduto l’elisir a Nemorino, dal quale ella deduce d’esser riamata. La stessa consapevolezza matura anche in Nemorino che, mentre le ragazze lo corteggiavano, ha creduto di scorgere una lacrima sul viso di Adina. È Adina stessa a riacquistare il contratto di arruolamento da Belcore, e a restituire con questo la libertà a Nemorino; ma sulla via alla felicità, che sembrerebbe ormai spianata, rimane ancora un ostacolo, quello dell’orgoglio. Sulle prime, infatti, Adina appare ancora riluttante e non confessa esplicitamente a Nemorino il proprio amore; è necessaria una scenata del giovane – pronto ad abbandonare tutto e a partir soldato di fronte al frettoloso e puntiglioso congedo di Adina – perché quest’ultima decida finalmente di aprire il proprio cuore. La gioia dei due innamorati è immensa, quanto lo scorno di Belcore. Dal canto suo, Dulcamara celebra con fierezza la straordinaria efficacia dell’elisir mentre, dulcis in fundo, Nemorino apprende d’esser divenuto l’uomo più ricco del villaggio.
....con Veio Torcigliani
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...